La Zolla | La convivenza delle IV a Castione
Tre giornate all'insegna di giochi, canti, attività varie pensate seguendo un filo conduttore, il libro letto in classe durante l'anno.
scuola primaria La Zolla, via Giulio Carcano, Milano, convivenza a Castione
23937
post-template-default,single,single-post,postid-23937,single-format-video,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12.1,vc_responsive

La convivenza delle IV a Castione

06 Giu La convivenza delle IV a Castione

La Convivenza delle IV è una tradizione della storia de La Zolla.
Tre giornate da vivere insieme, alunni e insegnanti con il prezioso supporto di un gruppo di genitori, all’insegna di giochi, canti, attività varie pensate seguendo un filo conduttore, il libro letto in classe durante l’anno.
Per alcuni è la prima volta che si va via senza i genitori, per tutti è un’esperienza di crescita eccezionale, anche per gli adulti.

Riportiamo le testimonianze al termine della convivenza. delle IV della Primaria di via Carcano

Accompagnare gli alunni delle quarte elementari alla convivenza svolta a Castione della Presolana è stata una delle esperienze più belle ed emozionanti della mia vita, che ha fatto crescere non solo mio figlio ma anche me come genitore. Condividere tre giorni con 65 bambini meravigliosi e una squadra di adulti, che si è prodigata ogni minuto per la buona riuscita della convivenza, mi ha arricchito enormemente l’animo e il cuore. Sono tornato stanco ma gli unici veri ricordi scolpiti nella mia mente sono gli occhi felici e sorpresi dei bambini, l’impegno e  la generosità degli adulti e soprattutto l’atmosfera di grande collaborazione, rispetto e voglia di stare insieme. Ringrazio di cuore la scuola per avermi dato la possibilità di vivere questa meravigliosa esperienza, che mi ha permesso di riscoprire la forza dell’amore incondizionato verso gli altri.” Francesco (papà)

Questi giorni mi hanno fatto vivere una cosa che avevo sentito qualche anno fa: “educare è comunicare se stessi”. La convivenza è stata l’occasione di porci davanti a questa sfida: ma noi cosa abbiamo da comunicare ai nostri figli? Vogliamo dar loro la possibilità di vedere degli adulti che si mettono in gioco con loro, che vivono cercando di rispondere ai desideri più profondi del cuore. E che si mettono insieme, genitori e insegnanti, in uno spirito di collaborazione, di fiducia, di interesse comune che è il bene e la felicità dei bambini. Abbiamo visto in atto quello che chiamiamo più spesso alleanza scuola-famiglia. L’unità tra noi non è mai scontata.” Agnese (mamma)

La cosa che ci ha stupito è come i bambini si sono fidati, senza mettere davanti una loro aspettativa o fatica. Chi non credeva che sarebbe riuscito a dormire senza i genitori, chi era salito con l’idea di stare con i soliti amici…invece tutti si sono fidati e si sono abbandonati con fiducia nella proposta dei grandi, come certi di un bene.  Ci siamo divertiti e ci siamo scoperti, adulti e bambini, contenti di vivere un’ avventura insieme. Per riassumerla con le parole di un poeta …i versi non sono, come si crede, sentimenti, sono esperienze (Rilke) … noi con i nostri alunni e i genitori abbiamo vissuto una “poesia”.

Le insegnanti di quarta

Dai testi dei bambini

Io a Castione mi sono sentita più grande perché lì non c’era la mamma; ero responsabile di tutto io. Mi è piaciuto fare amicizia con due bambine dell’altra quarta e naturalmente anche con gli altri. Il gioco che mi è piaciuto di più è stato il tiro alla fune, maschi contro femmine.” Miriam

La mattina mi svegliavo e pensavo a come sarebbe stata la giornata; durante i giochi mi accorgevo che tutte le squadre collaboravano e questo mi rendeva felice. Di sera cantavamo delle belle canzoni, ma quando era ora di andare a dormire ero triste, nonostante la stanchezza. Mi è piaciuto fare altre amicizie ma mi godevo anche: le colazioni, i giochi, i canti…alla fine mi sono resa conto che la felicità copriva la mia stanchezza.” Giuditta

E’ stato tutto bello e misterioso, niente mi aspettavo. Ringrazio tutti per questa avventura.” Davide