La Zolla | LABORATORIO CON L’ARTISTA FRANCESCO ZAVATTA
19300
post-template-default,single,single-post,postid-19300,single-format-gallery,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12.1,vc_responsive

LABORATORIO CON L’ARTISTA FRANCESCO ZAVATTA

13 Ott LABORATORIO CON L’ARTISTA FRANCESCO ZAVATTA

Giovedì 24 settembre. Tutti i bambini grandi della scuola dell’Infanzia di Via Carcano sono invitati in salone per un incontro inconsueto: un artista, un pittore è venuto ad incontrarli!!!

I bambini della Scuola dell’Infanzia hanno una certa consuetudine con tempere, acquerelli, pastelli, colori di vario genere, fogli e pennelli. Infatti essi danno forma e colore alle loro esperienze conoscitive e di scoperta con le immagini, con il disegno. Ciò che non possono ancora esprimere con le parole, lo esprimono in modo molto efficace con il linguaggio iconico. E un adulto che sceglie di dipingere, che cosa vuole comunicare?  Che cosa vuole dire attraverso le sue opere?

Francesco Zavatta, giovane pittore riminese, spiega ai bambini che vuole catturare sulle sue tavole la bellezza della natura, dei paesaggi che spalancano il cuore per la loro maestosità e grandezza. In particolare egli è affascinato dal mare, dai giochi d’acqua, dai riflessi e dai colori cangianti dell’acqua, per questo è uno dei temi preferiti della sua pittura.  Anche la montagna tuttavia, con le sue vette, con i suoi colori, con questa spinta verso l’alto costituisce un soggetto molto interessante. E poi i vari scorci di Milano, la città in cui vive e lavora.

Bello ascoltarlo parlare  e ammirare le sue opere che vengono proiettate sullo schermo, ma certamente più bello ed eloquente è vederlo all’opera! Munito di cavalletto, tela, colori, pennelli ecco creare sotto i nostri occhi attenti e stupiti uno scorcio di Irlanda, con un mare dalle tonalità decisamente blu, un’alta scogliera scura e poi un riposante e verdissimo prato! Ciò che colpisce i bambini è il gesto, deciso, forte  e rapido.  Con pochi  tratti, l’opera viene delineata e poi, con più calma, viene completata.  Silenzio, sguardo attento, gesto rapido descrivono Francesco mentre lavora. Ma è finita l’opera? Manca soltanto un ultimo gesto: togliere dalla cornice di legno lo scotch di carta tutto gocciolante di colore. Appena la cornice è ripulita, ecco, l’opera diventa più nitida, de-finita dalla cornice e appare con il suo soggetto: “Giochi di luce” (mare e scogliera delle Isole Aran).

Ai bambini che hanno assistito al nascere dell’opera e visto il modo di dipingere dell’artista, viene posta una domanda:

“Che cosa vi piace di quest’opera?”

Ecco le risposte di bambini.

Michele: mi piace il mare perché è di un azzurro bellissimo

Giordano: l’acqua perché mi piace l’azzurro che ha usato il pittore

Pietro: il verde chiaro del prato perché è un po’ come lo smeraldo

Andrea: mi piace il nero perché fa vedere che c’è l’ombra, dove fa più fresco

Giulia: l’erba perché è riposante, se sei stanco ti puoi sdraiare sopra

Gemma: il mare perché mi piace il movimento che fa

Atia: mi piace il colore nero perché sembra  che formi una cascata, anche se è la scogliera.

Emma: il cielo perché il bianco lo rende chiaro e luminoso.

Il Laboratorio continua il giorno dopo e questa volta sono i bambini davanti al foglio bianco con il pennello in mano a fissare la bellezza dell’ambiente montano o marino in cui hanno vissuto le loro vacanze. C’è anche l’aiuto della foto che ognuno ha portato, ma soprattutto c’è Francesco, che aiuta i bambini a decidere qual è l’elemento, il soggetto che vogliono dipingere, ciò che dovrà caratterizzare il loro dipinto. Ed eccoli all’opera, a cercare i colori adatti a creare le sfumature del mare nel quale hanno nuotato o a trovare il gesto per dipingere la vetta della montagna sulla quale sono saliti con il papà e a rendere  davvero azzurro il cielo che  tutto sovrasta.

Alla fine appendiamo tutti i dipinti in un grande pannello per poterli guardare insieme! Sono tanti e sono belli, alcuni davvero sorprendenti!  Francesco, il nostro amico pittore “legge” e commenta ogni dipinto con il bambino che l’ha fatto, cogliendo proprio il “cuore”, cioè il punto di esperienza più significativa di ognuno.  Grazie Francesco per averci accompagnato nella strada della bellezza, svelandoci un po’ di te e della tua arte!