La Zolla | Conosciamo i ragazzi del Servizio Civile: Martina Malerba
25003
post-template-default,single,single-post,postid-25003,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12.1,vc_responsive

Conosciamo i ragazzi del Servizio Civile: Martina Malerba

05 Mar Conosciamo i ragazzi del Servizio Civile: Martina Malerba

Secondo appuntamento con i ragazzi del Servizio Civile a La Zolla!

Oggi conosciamo meglio Martina Malerba, classe 1991, di Milano, laureata in Lingue e letterature europee ed extraeuropee presso l’Università degli studi di Milano.

Martina è una dei 7 ragazzi e ragazze che hanno aderito al progetto del Servizio Civile Nazionale “Per educare ci vuole un villaggio” per l’anno scolastico 2018/2019.

ServizioCivile_LaZolla_MartinaMalerbaPerché hai pensato all’esperienza servizio civile?

Ho preso in considerazione l’idea di aderire al servizio civile poco dopo aver concluso il mio percorso di studi.

Il mio sogno è sempre stato quello di insegnare e ho visto nel servizio civile un’opportunità per entrare nel contesto scolastico, mettermi alla prova e rendere un servizio utile all’ente che mi ha scelto e con cui collaborerò per i prossimi mesi.

Conoscevi La Zolla prima di venire a fare il servizio civile?

Conoscevo la Zolla solo indirettamente, tramite amici e conoscenti che hanno frequentato la scuola primaria presso la sede di via Tranchedini.

Perché hai deciso di fare il servizio civile a La Zolla?

Il progetto proposto dalla Zolla mi ha subito appassionato perché mi coinvolge in tutte le attività scolastiche: dalle lezioni, ai momenti conviviali, a quelli di studio individuale e assistito. Uno degli obiettivi principali del progetto è quello di fornire supporto didattico ai ragazzi che lo necessitano maggiormente. Il fatto stesso di condividere con gli studenti l’esperienza scolastica mi permette di conoscerli meglio e di comprendere le loro necessità, con l’aiuto dei professori e della preside.

Come si svolge la tua giornata a scuola?

La mia giornata a scuola si suddivide in due momenti: di mattina presenzio alle lezioni durante le materie più impegnative per i ragazzi, e mi impegno a supportarli e ad aiutarli a seguire al meglio. Di pomeriggio collaboro allo studio assistito.

Pensi che questa esperienza ti stia aiutando a capire cosa vuoi fare “da grande”?
Penso che questa esperienza sia altamente formativa e costruttiva, e che non faccia altro che confermare la passione che ho sempre avuto per il contesto scolastico.

Dicci cosa pensi de La Zolla in una frase…

Riassumerei La Zolla con una frase che mi ha particolarmente colpito e che caratterizza il metodo educativo adottato da questa scuola: “i ragazzi non sono vasi da riempire ma fuochi da accendere

Grazie Martina per il tuo impegno e la tua passione.

Il tuo è un ottimo servizio per La Zolla!