Il dono della speranza

14 Dic Il dono della speranza

La scorsa settimana Giacomo Gentile, cooperante dell’associazione ATS – Pro Terra Sancta, ha incontrato gli studenti delle medie di via Carcano per aggiornarci sul dramma della Siria e sulle iniziative realizzate a favore di tantissime famiglie, in un contesto reso ancor più terribile dal recente terremoto e dal conflitto in Israele.

Tuttavia ci ha colpito in profondità la presenza nei volti di tanti siriani di una luce evidente e di una gioia misteriosa, che persistono anche in chi sembra aver perso tutto, e brillano nel ricevere piccoli doni, quasi insignificanti se paragonati a quanto ancora manchi: un materasso a chi ha perduto la propria casa, un paio d’ore in più di elettricità al giorno a chi ne ha a disposizione appena una…

Così ha scritto una nostra studentessa a proposito: “La felicità è relativa e non esiste nessuno strumento per misurarla in rapporto a ciò che si ha. È l’uomo speranzoso l’uomo veramente felice”.

E questo accade nel popolo siriano, nota un compagno, perché “il loro attendere è costante: sanno che non verranno abbandonati; ci vorrà certo molto per riabbracciare ciò che hanno perduto”, ma quello che è certo è che “sanno attendere”.

Nell’imminenza del Natale, scoprire dalla testimonianza ricevuta in dono e nella riflessione dei nostri studenti che è solo una attesa certa che riempie di senso e di speranza la vita, dà reale conforto al nostro presente e ci sprona a dare il nostro contributo per alimentare questa comune speranza.

Insieme al pensiero e alla preghiera, con tutti i docenti abbiamo perciò voluto riaprire la raccolta di fondi destinata all’associazione.

Fino all’ultimo giorno di scuola sarà allestito in segreteria un punto di raccolta.