PNRR ISTRUZIONE

Competenze STEM e multilinguistiche nelle scuole paritarie non commerciali (D.M. 65/2023)

 

 

La Scuola Paritaria La Zolla ha aderito all’Avviso AOOGABMI prot. n. 0130341 del 09-11-2023 – Competenze STEM e multilinguistiche nelle scuole paritarie non commerciali (D.M. 65/2023) presentando una serie di azioni formative riunite in un progetto pensato per realizzare, valorizzare e incrementare le cosiddette “competenze STEM e multilinguistiche” dei nostri studenti di tutte le età, concorrendo così a raggiungere uno degli obiettivi fondamentali di questo grande investimento che la UE ha messo in atto nei Paesi membri dopo gli sconvolgimenti provocati dalla pandemia.

Riferimento:

Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) – Missione 4 – Componente 1 – Investimento 3.1 “Nuove competenze e nuovi linguaggi” – Azioni di potenziamento delle competenze STEM e multilinguistiche (D.M. 65/2023), finanziato dall’Unione europea – Next Generation EU

 

PROGETTO STEM STORM forza 11

  • Scuola capofila: SCUOLA SECONDARIA DI 1° GR. LA ZOLLA – MI1M07800T
  • Ente gestore: LA ZOLLA SOCIETA’ COOPERATIVA SOCIALE
  • Codice locale di progetto:  P-28545
  • CUP di progetto: H44D23001710006
  • Valore finanziato: 83.116,71 €

Descrizione progetto:

ORIZZONTE IDEALE

Ponendosi al servizio di una visione unitaria del sapere e del suo insegnamento, il potenziamento delle discipline STEM va interpretato come ulteriore alimento, nel cammino formativo degli studenti, di quell’educare a pensare di cui si sostanzia ogni intrapresa didattica e più in generale formativa della nostra scuola.

In tal senso, le discipline scientifiche favoriscono la possibilità di continuare a far presa su una realtà, come quella attuale, che richiede, per essere abitata umanamente e intelligentemente, competenze e conoscenze in continuo aggiornamento e approfondimento.

Analogamente occorre considerare il macrocosmo della tecnologia: per non lasciarne al di fuori gli studenti, o contentarsi che siano semplicemente spettatori o fruitori dell’impetuoso sviluppo che la caratterizza, occorre introdurli ad un sistema straordinariamente ramificato di conoscenze, competenze e abilità, ed esercitarli in esso stimolando l’intrapresa e la creatività personali, intendendo però detto sistema non come separato dalla profondità di pensiero e di speculazione segnatamente umana, ma come sua nuova e mirabile fioritura.

I contenuti e i metodi propri delle discipline STEM non possono perciò essere strappati da un approccio interdisciplinare, che valorizzi al massimo le quattro irrinunciabili competenze trasversali: il pensiero critico, la comunicazione, la collaborazione e la creatività,

Infine, l’atto dell’escogitare tecnologico non può non svilupparsi, pena forse non la sua inefficacia ma certo la sua inumanità, da un radicato senso di appartenenza al consorzio umano, che si lascia interpellare dal bisogno comune, lo analizza e lo discute in prossimità e a fondo e solo alla fine, ancora in una dinamica comunitaria, giunge ad un atto creativo non effimero.

 

SCUOLA PRIMARIA

Nella Scuola Primaria il progetto, pensato aperto a tutti gli alunni di tutte le classi in orario extracurricolare, andrà ad implementare nel corso del prossimo anno scolastico le proposte delle discipline STEM già attivate nei percorsi didattici curricolari.

Gli ambiti prescelti sono quelli della tecnologia, delle scienze naturali e quello logico-matematico, con riferimento costante al pensiero computazionale. L’apprendimento sarà veicolato attraverso l’esperienza e le attività pratiche e laboratoriali, favorendo un approccio collaborativo alla risoluzione di problemi concreti.

Nel primo biennio i contenuti verteranno sulla manipolazione dei materiali, sull’orticoltura e sul coding unplugged; nelle classi terze sulla misura e sulla rappresentazione dello spazio, nonché sulla digitalizzazione e sulla manipolazione delle sue rappresentazioni; nell’ultimo biennio il focus sarà posto sull’osservazione scientifica di fenomeni legati al mondo fisico e naturale (minerali, vegetali, animali e corpo umano), con rielaborazione digitale dei dati, approdando al contempo a introdurre, sempre per via esperienziale e laboratoriale, i fondamenti del coding e della robotica.

 

SCUOLA SECONDARIA

L’incontro con le figure di alcuni grandi scienziati e scienziate, pionieri di alcune imprescindibili scoperte scientifiche, sarà preludio all’incontro reale con tre autorevoli membri della comunità di tre distinte branche delle scienze (in particolare, dalla prima alla terza classe, biochimica, neuroscienze e astrofisica), dai quali apprendere in tre incontri-testimonianza i caratteri essenziali e le sfide presenti della propria disciplina.

Ai tre incontri si salderà una cospicua parte sperimentale di laboratorio, per guadagnare attraverso le necessarie “sensate esperienze” i presupposti metodologici, l’ambito di indagine e almeno le conoscenze scientifiche di base delle suddette discipline.

Comunicare l’iter e il senso degli incontri e delle scoperte fatte costituirà infine l’ultima sfida, da attuarsi attraverso la creazione di un sito o di una pagina web e la realizzazione di un podcast, previa opportuna formazione.

Scienze sperimentali, all’interno di una prospettiva storica, e racconto, per via tecnologica, delle stesse: ecco in estrema sintesi le due linee integrate della proposta, che sarà situata in orario extracurricolare, per un totale di 18 ore aggiuntive offerte a tutti gli studenti.

Documenti