Teatro epico, noi come veri attori

18 Mag Teatro epico, noi come veri attori

A ottobre del 2014 abbiamo iniziato una nuova attività: il teatro epico. Il lavoro consisteva nel recitare e mettere in scena l’Iliade come veri attori. Ad aiutarci c’era un attore professionista, Stefano Braschi, che ci ha condotto verso  la recitazione teatrale.

Le prime lezioni sono state apparentemente strani ed inutili, poiché erano formate da inusuali esercizi, come il gioco del bastone. Questo esercizio consisteva nel mettersi in cerchio, ognuno con un bastone nella mano destra; al via bisognava lasciare il bastone e afferrare quello del compagno, ma il giochino riusciva solo se tutti erano concentrati e sincronizzati. Queste prime lezioni sono servite a gettare le fondamenta del nostro percorso, che dopo Natale ha iniziato ad essere più difficile, perché abbiamo iniziato a mettere in scena le nostre parti.

Per prima cosa sono state focalizzate le similitudini, di cui gli alunni divisi in gruppi avevano già fatto dei bozzetti, cercando di metterle in scena seguendo l’idea del plastico iniziale. Alcune sono state ritoccate, altre cambiate radicalmente, ma alla fine tutti erano d’accordo perché erano venute davvero bene. Dopo ciò siamo passati al vero lavoro, cioè mettere in scena  la “storia” dell’Iliade; le lezioni procedevano a rilento per via della non ottimale attenzione degli studenti e del maniacale desiderio di precisione di Braschi, ma è stato grazie a questa perseveranza che siamo riusciti ad arrivare fino alla fine, allo spettacolo.

Lo spettacolo: la nostra grande prova, i frutti di decine di ore di lavoro; bisognava dare tutto nei due spettacoli che avremmo recitato. Il primo, riuscito ottimamente, aveva come pubblico degli alunni di un’altra scuola e i nostri primini, ma la vera dimostrazione della nostra “forza” è stata allo spettacolo serale, dove il pubblico erano i genitori. In quel momento, tutti erano concentrati al massimo, tutti pronti a dare il tutto per tutto. È stata un’incredibile esplosione di bellezza e di gioia, e lo spettacolo è piaciuto tantissimo sia agli spettatori che a noi, regalandoci la felicità di essere stati dei bravi attori!